Home > Approdi > Marina Cala De' Medici > MCDM SpA pronta a rilanciare il centro commerciale portuale

Tag in evidenza:

MCDM SpA pronta a rilanciare il centro commerciale portuale

 Stampa articolo
Prevista per la fine dell’anno la risposta delle banche in merito all’offerta della Società per l’acquisto di tutti i fondi commerciali
MCDM SpA rilancia il centro commerciale portuale

Sono passati cinque anni da quando la Società Marina Cala de’ Medici S.p.A. ha acquisito la gestione portuale dalla Teseco S.p.A.., Società concessionaria del porto omonimo.

advertising

Dopo aver ammortizzato i costi dell’investimento, con una gestione attenta e rigorosa, la Società, composta da circa 600 Soci, è ora pronta ad avviare progetti e investimenti per il rilancio del centro commerciale presente all’interno del Porto.

Ricordiamo che nel 2013 la Società Marina Cala de’ Medici S.p.A. ha acquistato per 4.7 milioni di euro non soltanto la gestione portuale. Nell’acquisto del ramo di azienda, infatti, dopo una lunga trattativa durata oltre diciotto mesi, sono passati alla S.p.A. 65 ormeggi, la torre direzionale, tutti i servizi tecnologici, il fondo sede dello Yachting Club, quello sede del Comune di Rosignano, quello della Capitaneria di Porto, nonché due foresterie e il personale dipendente, passato da 14 contratti di lavoro a circa 35 in stagione balneare.

In questi giorni sono in corso delle trattative che riguardano la ristrutturazione degli immobili e il rilancio delle attività commerciali. Abbiamo chiesto all’Amministratore Delegato e Direttore portuale Matteo Italo Ratti delucidazioni: “Da settembre, come già più volte fatto presente, siamo stati costretti a porre a termine tutti i contratti di locazione con le attività insolventi. Abbiamo anche ottenuto sentenze favorevoli e, attraverso delle negoziazioni bilaterali, ripreso possesso di alcune attività le quali, in soli due anni, avevano maturato oltre 130.000 € di mancati pagamenti di affitto e spese”.

Ma quali azioni sono state intraprese sino ad ora per cercare di risolvere le problematiche?

“Nel 2016 un istituto bancario olandese aveva ottenuto dal tribunale di Brescia lo sloggio di otto attività presenti all’interno dei loro immobili ripresi in carico per il mancato pagamento delle rate dei leasing da parte di una società del gruppo Teseco. Sempre dal 2016, la Società Marina Cala de’ Medici S.p.A. sta gestendo per conto della procedura concorsuale ‘Teseco’ le attività di recupero crediti e locazione per il mantenimento dei beni”.

Quali saranno le prossime azioni concrete?

“Per aiutare le attività commerciali abbiamo atteso fino a fine stagione ad attivare le azioni di recupero crediti. Non potendo più attendere, siamo adesso costretti ad agire in via esecutiva avendo sentenze favorevoli. Per la parte a mare, non potendo direttamente acquisire i posti barca poiché rappresentati da ‘azioni proprie’, il creditore MPS ha attivato l’azione esecutiva mettendo all’asta gli ultimi posti barca della Teseco con espressa indicazione del tribunale che, prima del trasferimento della titolarità, da prezzo offerto dovranno essere decurtate tutte le somme richieste da Marina Cala de’ Medici S.p.A. ed inerenti i costi “condominiali” della gestione societaria per il mantenimento del Porto. Questo a tutela del patrimonio della Società e di tutti gli altri 600 Soci.

Per la parte a terra, invece, abbiamo presentato un’offerta formale di acquisto alla banca olandese, offerta inerente tutti i fondi commerciali. Invero stiamo anche gestendo i fondi della procedura concorsuale, per i quali già nel mese di ottobre abbiamo ricevuto delle proposte molto interessanti con la sottoscrizione di nuovi contratti”, afferma Ratti.

Con l’acquisto diretto da parte della Società che gestisce il Cala de’ Medici, la gestione di tutti i fondi passerà sotto il controllo della direzione portuale che potrà coordinare le varie attività e condividere un progetto commerciale specifico per un ambito portuale. Il tutto al fine di garantire il massimo servizio all’utenza portuale e diportistica. La gestione in capo ad un unico soggetto, inoltre, aiuterebbe anche la ricollocazione delle risorse umane, con nuovi fabbisogni di figure con competenza e professionalità per le nuove attività commerciali.

“Attendiamo, quindi, la risposta da parte delle banche prevista per la fine dell’anno”, conclude l’AD e Direttore del Cala de’ Medici.

Prevista per la fine dell’anno la risposta delle banche in merito all’offerta della Società per l’acquisto di tutti i fondi commerciali
MCDM SpA rilancia il centro commerciale portuale

Le ultime notizie di oggi