Home > Accessori > North Sails > North Sails due volte iridata agli ORC Worlds di Trieste

Tag in evidenza:

North Sails due volte iridata agli ORC Worlds di Trieste

 Stampa articolo

Trieste, 10 luglio 2017 - Il Mondiale ORC di Trieste, appuntamento di vela d'altura più atteso del 2017, ha portato nuove soddisfazioni in casa North Sails, che già a inizio stagione aveva guadagnato numerosi podi, sia tra i giovanissimi dell'Optimist, che nelle Classi Olimpiche e nella monotipia.

advertising

North Sails due volte iridata agli ORC Worlds di Trieste
North Sails due volte iridata agli ORC Worlds di Trieste

Agli ORC Worlds 2017, North Sails ha conquistato due titoli iridati - Classe B e Classe C - ed è salita sul podio in tutti i tre raggruppamenti presenti, confermandosi così veleria leader anche nel mondo dell'altura: nel Gruppo A, il TP52 Freccia Rossa, invelato 3Di, ha ottenuto la seconda piazza, staccato di un solo punto dai neo campioni mondiali di Mascalzone Latino. Nel gruppo B, North Sails si è imposta grazie a BeWild, Swan 42 di Renzo Grottesi, che ha regatato con randa 3Di e fiocchi 3DL, mentre nel gruppo C il successo è doppio, grazie ad Airis e Sease, classificatisi rispettivamente al primo e secondo posto. Airis, Melges 32 di Cesare Bressan, ha optato per randa e fiocchi in 3DL, mentre il Farr 30 di Giacomo e Franco Loro Piana ha regatato con vele in dacron radiali. 

Lo specialist North Sails Andrea Casale ha commentato: "Essere sul podio in tutte le categorie è già di per sé un buon risultato, essere stata la veleria prescelta da due delle imbarcazioni che si sono poi rivelate campioni iridati lo è ancora di più. Il primo posto è stato assaporato per un attimo anche nella Categoria A, dal momento che Altair, lo Scuderia 50 di Sandro Paniccia, invelata con i nuovi fiocchi 3Di è stato inizialmente dato per vincitore. 

Il prodotto North Sails non ha deluso e si è comportato bene, confermando la nota affidabilità e performance anche in condizioni di vento molto leggero, com'è stato a Trieste. Il team di design italiano ha lavorato a lungo sulla revisione e correzione dei profili delle vele, che avevano bisogno di essere ottimizzati in vista dell'assegnazione del rating: il lavoro ha portato i suoi frutti, basti vedere Airis che ha ampiamente beneficiato delle riduzioni studiate ad hoc a ridosso del Mondiale, ma anche BeWild, che ha fatto il lavoro opposto, scegliendo di sovrainvelarsi e risultare barca veloce in una flotta numerosa e molto omogenea. 

North Sails continua a essere interessata agli eventi di vela d'altura, molto partecipativi e ad alto contenuto tecnico: proprio per questo motivo, il lavoro di design e ottimizzazione per sfruttare appieno le regole di rating è in continua evoluzione. North Sails ha dimostrato di avere gli strumenti giusti per soddisfare il cliente, ottenendo il risultato ed accontentando la formula". 

Le ultime notizie di oggi