Home > Accessori > Garmin > Pesca: Garmin Marine e Maguro-San Foundation per la pesca

Tag in evidenza:

Pesca: Garmin Marine e Maguro-San Foundation per la pesca

 Stampa articolo
Garmin Pesca
Garmin Pesca

Garmin Italia, una società di Garmin Ltd. (NASDAQ: GRMN), leader mondiale nella navigazione satellitare, conferma il suo interesse a promuovere una cultura della pesca responsabile e selettiva. Per questo Garmin continua a sostenere il progetto Mediterranean Spearfish Satellite Tagging della Maguro-San Foundation con la sua strumentazione di ultima generazione.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra la Maguro-San Foundation, l’IGFA e la Stanford University. L’obiettivo è conoscere le abitudini migratorie e comportamentali dell’Aguglia Imperiale con la più raffinata e moderna tecnologia disponibile oggi: il Satellite Tagging. Per la prima volta, un esemplare di Tetrapturus belone, sarà monitorato per 120 giorni archiviando i dati necessari per svelare poi tutti misteri di questo magnifico pesce.

Il 15 Luglio al largo di Porto Cervo a bordo del Maguro-San è stato targato un esemplare di circa 15 kg.

La tecnica di pesca usata è stata quella della traina veloce a 7-8 nodi, con esche artificiali armate con ami sovradimensionati e con gran parte dell’ardiglione limato per facilitare la fase di rilascio.
La fase di recupero è durata circa 10 minuti, il tempo necessario per abituare il pesce alla presenza della barca e quindi facilitare l’operazione di inserimento della targa.

Anche se per Luca Bonfanti e il Maguro-San non era la prima volta che veniva targata un’Aguglia Imperiale, il timore che qualcosa non andasse per il verso giusto era reale e concreto.
Tutto meglio del previsto invece: il pesce è stato indotto a nuotare di fianco alla barca che procedeva a 2 nodi circa e, grazie al bordo libero basso del Maguro-San e all’esperienza, l’inserimento della targa è stato perfetto, sia come posizione sulla schiena del pesce, sia come angolazione.

Un ringraziamento va ad Alessandra Gatti che ha timonato e documentato il momento con alcuni scatti fotografici.

Ora non resta che aspettare che la targa si stacchi dal pesce, torni in superficie e trasmetta, per la prima volta, le informazioni via satellite all’Università di Stanford, all’IGFA e alla Maguro-San Foundation.

Il 2015 può quindi essere considerato un anno storico per lo studio e la conoscenza delle Aguglie Imperiali.

Per maggiori informazioni www.garmin.com/marine2015 o segui la nostra pagina Facebook www.facebook.com/garmin.marine.italy.