Home > Sport > Gaetano Mura > Gaetano Mura e Italia colpiti da un'altra burrasca in pieno Oceano Indiano

Gaetano Mura e Italia colpiti da un'altra burrasca in pieno Oceano Indiano

 Stampa articolo  e-mail
Italia, Gaetano Mura Solo Round Globe record

Una nuova burrasca nell'Oceano Indiano, quasi a metà strada tra Capo di Buona Speranza e Capo Leeuwin, colpisce Gaetano Mura e il Class 40 Italia, skipper e barca impegnati nel tentativo di record nella circumnavigazione del globo non-stop e senza assistenza. Dopo un paio di giorni di vento leggero per il passaggio di un'alta pressione, nei prossimi giorni si attendono venti di Nord-Nord Ovest a 35-40 nodi con raffiche a 45 nodi e relativi temporali.

Questa situazione permetterà a Gaetano Mura di fare rotta più a Sud, verso il passaggio di Capo Leeuwin, a sud dell'Australia. Così lo shore team 1Off che segue l'impresa di Italia: "La strategia a medio termine verso questo secondo grande capo sarà quella di navigare verso Est in condizioni di vento compresi tra i 25-35 nodi. E' proprio in queste situazioni infatti che Italia sviluppa le migliori performance." L'ocean-racer sardo potrebbe anche aumentare la massima percorrenza nelle 24 ore, che fin qui nel corso della sua navigazione è di 255 miglia, fatte segnare lo scorso 1 dicembre in condizioni meteo simili a quelle di queste ore.

"Purtroppo - dichiarano i routier meteo - queste condizioni ottimali non saranno sempre possibili. Infatti le grosse depressioni in movimento nel Southern Ocean attorno tra i 50°S ed i 55°S si estendono spesso molto a nord fino alla latitudine dei 35°S, originando venti burrascosi ben superiori ai 35-40 nodi, rallentando l'imbarcazione che deve procedere con velatura da burrasca forte." 

IL DIARIO DI BORDO DI GAETANO MURA

"Una delle paure dei navigatori è quella di rompere, di subire dei danni che compromettono la navigazione e in questo senso l’Oceano Indiano è particolarmente insidioso. Qui non c'è traffico commerciale, solo balene e albatros. Le barche, come dimostrano i tanti ritiri alla Vendée Globe, sono molto delicate e bisogna andare veloci. Tanto è vero che il navigare è una continua ricerca di un compromesso tra velocità, da una parte, e rischio di rottura dall'altra. Senza dimenticare l'inevitabile consumo e usura dei materiali che devono affrontare maratone della durata di mesi come questa. A tutto questo si aggiungono incognite né prevedibili né, spesso, controllabili.”

"Quando si verificano situazioni come quella dei giorni scorsi (l'urto con un oggetto sommerso non identificato ha procurato danni ai timoni, fortunatamente riparabili, ndr) non c'è tempo per lo sconforto. Bisogna agire veloci per trovare una soluzione, subito. Per superare questi ostacoli è necessario saper fare di tutto, avere molteplici competenze: meccaniche, dei materiali, informatiche, meteo. Per fortuna i sistemi di comunicazione attuali permettono, come in questo caso con il team 1Off a terra, di avere il giusto supporto". 

Gaetano da bordo di Italia affronta anche il tema psicologico delle tenuta davanti allo stress: "Io per mia natura e per carattere sono uno che rimane molto calmo e lucido nelle situazioni di emergenza, guai se così non fosse facendo ciò che faccio. Ma l'istintività e la calma non sono sufficienti ad un certo livello di "gioco". Ho lavorato molto, a livello mentale oltre che fisico, su questi aspetti negli ultimi anni. E oggi, più che mai, mi rendo conto dei benefici che ne traggo." 

"Poi ho avuto la grande fortuna ed il grande privilegio di incrociare sulla rotta della mia vita un grande professionista che ha giocato un ruolo fondamentale e senza il quale, con certezza, non sarei qui. Si chiama Marco Caboi il preparatore atletico e coach mentale che mi segue da anni. Quindi, un grazie speciale a Marco."

Il sito ufficiale con il tracking per seguire la rotta di Italia: http://www.gaetanomurarecord.com/la-rotta/