Home > Istituzioni > Press Mare > Maurizio Balducci: è operativa la "procedura UCINA" per le dogane

Maurizio Balducci: è operativa la "procedura UCINA" per le dogane

 Stampa articolo  e-mail
Agenzia delle Dogane

Dogane, operativa la “procedura UCINA”: un Benetti e un Mangusta i primi ad approfittarne.

 

Qualcuno l’ha già ribattezzata l’esportazione light. Si tratta della nuova procedura per le unità costruite in Italia in esenzione IVA e dazi perché destinate ad armatori extra UE, secondo la normativa europea. Come avevamo già pubblicato, per certificare l’uscita dalle acque nazionali è ora sufficiente l’AIS. Le prime due unità che ne hanno beneficiato sono un Benetti e un Mangusta 165, entrambi costruiti a Viareggio.

La Circolare 14D 2016 emanata dalle Dogane centrali su richiesta di UCINA, ha aggiornato le modalità applicate alle unità costruite per l’esportazione e per chiudere la pratica doganale non è più obbligatorio il raggiungimento di un Paese extra UE.

Tale prassi comportava una grave penalizzazione per la cantieristica italiana, che era costretta a farsi carico dei costi. “E se l’armatore non avesse adempiuto all’impegno di effettuare questa trasferta con la sua barca, sarebbe venuta meno l’esportazione e il conseguente beneficio fiscale, e il cantiere sarebbe stato responsabile del versamento delle imposte dovute”, spiega il Vice presidente di UCINA Confindustria Nautica con delega ai rapporti con le Agenzie fiscali, Maurizio Balducci, che aggiunge "con questa nuova procedura permettiamo alle navi dei nostri clienti di restare in Italia, mentre prima le obbligavamo a spostarsi  immediatamente, per completare la procedura di esportazione, in Montenegro, a Gibilterra o verso altri paesi extraeuropei."  

 Balducci, Lei è stato anche il primo a beneficiarne, con un Mangusta 165 Open.

“In realtà la prima nave che a Viareggio ha usufruito della nuova procedura è stata una Benetti, il nostro Mangusta 165 ha seguito di qualche giorno.

E’ soddisfatto?

“Con il responsabile dell’Area Rapporti Istituzionali, Roberto Neglia, abbiamo lavorato con perseveranza per raggiungere questo obiettivo, quindi assolutamente sì... La soddisfazione è doppia, quando si riescono a ottenere risultati cosi' importanti, che producono immediati benefici a tutti gli operatori della filiera”.